“Aspettando Barbara”

La Compagnia delle Sibille ,
è lieta di invitarvi allo spettacolo di fine anno,
“Aspettando Barbara”…

Un’ora e dieci di grande divertimento,
un carosello di emozioni, di intrecci surreali,
che vedranno coinvolti tutti i miei bravissimi allievi,
alle prese con una “prova teatrale” alquanto originale,
un gioco,perché il Teatro è un Gioco,
come ieri ho ribadito, dove ciascuno ha il diritto di giocare liberamente,
abbandonando il Giudiziale, buttando giù ogni maschera,
perché solo dove c’è Verità potrà esserci Teatro,
affinchè questo gioco di finzioni divenga più Vero del Vero…

Gabriele, Maria Antonietta, Aurora, Paola, Ermelindo,
Angela, Maria Teresa, Roberta, Emanuela e Adeliade

vi aspettano per ” giocare al gioco più bello del mondo…
Il Teatro”…

Lo spettacolo nasce da un’idea condivisa di Barbara Bricca,
Guido Del Vento e Marco Corsi,

che ha scritto alcuni dei dialoghi più belli dello spettacolo.

La Regia dell’allestimento è stata curata dalla sottoscritta,
e da Guido Del Vento,
attore e regista sensibile e straordinario ,
che è stato capace di tirare fuori il meglio,
seguendo e rispettando la natura umana e attoriale di ciascuno di loro,
con intelligenza e talento.

E dunque siamo pronti…
Vi aspettiamo, per donarvi emozione e divertimento!

L’ingresso sarà ad inviti,
per coloro che volessero maggiori informazioni,
lascio come sempre la mia mail:
“tuttoilmondoateatro@gmail.com”

Vi abbraccio amici del blog!
Barbara

Advertisements

Il Mio Teatro: Appunti di Viaggio

E’ stato un anno di grandi cambiamenti,
un anno di Nuova Vita e Rinascita,
sì,perché qualcosa in me si era spento,
quella luce che ha brillato per anni,
illuminando il mio cammino,
era venuta meno,
soffocata da idee che non sentivo più mie,
da modi di intendere la Vita e il Teatro,
che viaggiavano lontani dalla mia essenza, di donna e di attrice.

Sono stati mesi di analisi,
di crisi, nel senso etimologico del termine,
cioè di divisione e allontanamento,
da tutto ciò che non apparteneva più alla Mia idea di Teatro.

Le scelte sono state compiute,
e oggi, a distanza di mesi,
sento che sono state le scelte giuste.

Ho ricominciato la mia Vita Teatrale,
partendo da un concetto di base, elementare,
che avevo dimenticato:
“Il Teatro è un Gioco”,
un gioco che prevede regole precise e rigorose,
ma è un Gioco…

La logica mondana non appartiene a questo Gioco,
il Teatro è ” Oltre”,
oltre la materialità, oltre gli interessi personali,
oltre gli schemi e le classificazioni,
oltre le definizioni di ” maestro e allievo”,
oltre ogni idea precostituita,
oltre ogni giudizio sull’umanità,
perché come già scrissi in un post diversi anni fa ,
il Teatro ha un suo Centro , ed è l’Uomo,
e solo tornando a lui,
potremo sperare di ritrovare l’Essenza di questo meraviglioso
gioco, che è il Teatro.

Il Teatro ha bisogno di Onestà Intellettuale,
di Amore, di Compassione , di Comprensione,
solo seguendo il filo rosso di queste emozioni potremo tornare a comunicare realmente con il pubblico,
che continua a venire a Teatro per un unico e semplice motivo:
tentare di trovare una riposta reale ad un’esigenza personale,
ad un domanda che tormenta i suoi pensieri,
ad un dubbio che nessuna Filosofia o Religione riesce a dissolvere…

Il Teatro deve rispondere alle esigenze del pubblico,
deve tentare di dare risposte,
attraverso un’unica strada , quella della Verità Scenica…

Più riusciremo ad essere veri su quel Palco,
più saremo capaci di entrare in vera risonanza con il pubblico,
che è lì in desiderosa attesa ,
di essere amato, di essere compatito e compreso, nella sua Umanità.

Non serviranno parole, la Scena sarà Sovrana,
è lì, su quelle tavole che verrà fuori tutto ciò che siamo…
Tutto ciò che siamo…

Grazie a coloro che mi sono stati accanto in questi mesi,
di Vera Rivoluzione Teatrale,
in particolare a Guido, Gabriele e Marco,
con i quali il viaggio continua,
perché la Rinascita è appena iniziata…

P.S.
Quelli che vedete nelle foto sono alcuni dei momenti di
” Sempre e Solo Io e Te”, spettacolo che tornerà in scena nella prossima stagione di prosa, presto tutti i dettagli.

(Continua)

Vi abbraccio con affetto amici del Blog,
scusate la mia assenza,
cercherò di essere più presente, qui, e sui vostri splendidi blog.

Barbara

Leggete…leggete…

Grazie ad Alessio Neroni per questa bellissima recensione … Sempre e Solo Io e Te tornerà nella prossima stagione teatrale …stay tuned😘

TUTTOLANDIA


05 Sempre E Solo Io E Te
05 Sempre E Solo Io E Te

Sempre e solo io e te

Al Teatro Anfitrione di Roma, Guido Del Vento il 29 e 30 marzo ha portato in scena il suo Sempre e solo io e te con la complicità di Barbara Bricca e Gabriele Planamente. Uno spettacolo che pone la donna al centro in un girotondo di sentimenti.

Quando il numeroso pubblico si appresta a prendere posto in sala, i protagonisti di Sempre e solo io e te sono già presenti sul palcoscenico del Teatro Anfitrione (dedicato ora a Patrizia Parisi dopo l’improvvisa scomparsa della nota attrice avvenuta nel settembre scorso). Al centro della scena c’è un grande letto con un baldacchino di tessuto bianco e tante grucce appese qui e là, a vista, impreziosite per lo più da lingerie. Tutto il resto è spoglio…

View original post 521 more words

Le donne amano

Grazie di cuore Paola per le tue parole …abbiamo condiviso tanto amore ❤️“ Sempre e Solo Io e Te” alla prossima stagione !

TUTTOLANDIA

“……E sto abbracciato a te
Senza chiederti nulla, per timore
Che non sia vero
Che tu vivi e mi ami.
E sto abbracciato a te
Senza guardare e senza toccarti.
Non debba mai scoprire
Con domande, con carezze,
quella solitudine immensa
d’amarti solo io.”

(Pedro Salinas)

Arrivi a Roma e sali l’Aventino, uno dei colli romani dove la brezza del vento accarezza vestigia antiche, resti di mura illuminate, gatti sornioni addormentati su marmi scolpiti dai secoli, ti abbraccia e ti scompiglia i capelli, e alza la gonna di seta. E capisci di essere in una magia.
Ma se poi la magia la fai attraversare in un cortiletto che ricorda gli anni ’50, con poche piante essenziali, una statua femminile di gesso, e la fai entrare tra tende rosse e profumo di recitazione…ecco allora sai che sei nel posto giusto per dare ai tuoi occhi alla tua anima e al tuo…

View original post 642 more words

“Sempre e Solo Io e Te” – Trailer

Vi aspettiamo , Giovedì 29 e Venerdì 30 Marzo, alle ore 21.00, presso il Teatro Anfitrione a Roma , per vivere insieme questo meraviglioso viaggio esistenziale d’Amore …

In scena Barbara Bricca , Guido Del Vento,Gabriele Planamente, per la Regia di Guido Del Vento.

Cosa una donna è disposta a fare per Amore?

Scopritelo a Teatro insieme a noi,

Per info e prenotazioni : tuttoilmondoateatro@gmail.com

Barbara

Non mancate…

Vi aspettiamo il 29 e 30 Marzo al Teatro Anfitrione , a Roma , ore 21.00😘

TUTTOLANDIA

….invito rivolto a tutti, ancor di più ai romani…siete nel territorio 😀

“Sempre e Solo Io e Te”: al Teatro Anfitrione di Roma va in scena l’universo di una donna

20 marzo 2018Redazione Zoom MagazineTeatro Anfitrione

Amore, poesia, limite e viaggio esistenziale: queste le parole chiave di “Sempre e Solo Io e Te”, lo spettacolo che andrà in scena il 29 e 30 marzo al Teatro Anfitrione di Roma.

“Sempre e Solo Io e Te” –  scritto da Barbara Bricca, Marco Corsi, Guido Del Vento e Gabriele Planamente e diretto da Guido Del Vento – è un viaggio, oltre il tempo e lo spazio, attraverso quel legame fra uomo e donna che definiamo Amore. È un’esplorazione del misterioso universo delle donne e della loro capacità di amare oltre ogni limite o confine, perché il loro amore rivela una matrice di valore assoluto. Lo spettacolo ha…

View original post 344 more words

Vi invito a Teatro

Grazie a Paola per la collaborazione al post di presentazione dell’ evento teatrale del 2018: “ Sempre e Solo Io e Te”, perché il teatro è verità , verità del cuore …è tutto ciò che cadrà e accadrà su quelle tavole sarà l’amore ad averlo generato … vi aspettiamo !

TUTTOLANDIA

Questo post nasce in collaborazione con Barbara Bricca, una delle protagoniste dello spettacolo “SEMPRE E SOLO IO E TE” , insieme a Guido Del Vento e Gabriele Planamente, per la regia di Guido Del  Vento.

L’Amore è un intreccio di anime.
Ma se Amore ha tre anime, potrebbero essere quelle di Nora, donna ironica, maliziosa e seducente, quella di Domenico, prepotente e scanzafatiche, quella di Cristiano, che poeticamente cerca la sua identità…
Tre anime alla ricerca di se stesse, pronte a superare ogni limite o confine pur di amare ed essere amati …
E Amore non disdegna di passare per Casa Sibilla, dove il mestiere più antico del mondo lega le vite e scioglie le catene.

“Perchè l’Amore è sogno e incanto, è verità e sofferenza e mai finirà d’essere Amore…”

E questo viaggio vi invito a farlo amici blogger, per raccogliere la magia del Teatro, per inebriarsi dei movimenti…

View original post 35 more words

“Sempre e Solo Io e Te” – Evento Teatrale

Un brevissimo post,
per annunciare, con grande orgoglio,
l’Evento della Stagione Teatrale 2018…
Un nuovo spettacolo,
che è Viaggio Esistenziale attraverso il Sentimento più Alto e Profondo,
che ci è stato concesso di provare come esseri umani…

L’ Amore

Quel viaggio chiamato Amore,
per parafrasare Dino Campana,
quella dimensione dell’Anima,
che ci comprende e trascende tanto è potente e assoluta…

In scena:
Barbara Bricca, Guido Del Vento, Gabriele Planamente ,
con la partecipazione di Diana Iaconetti ;

Il testo originale è nato da un’idea degli attori Del Vento, Bricca e Planamente,
con la collaborazione, per la parte poetica, di Marco Corsi.

La Regia è di Guido Del Vento,
artista di sensibilità straordinaria,
che sta dirigendo i nostri passi con cura e immensa passione…

Vi aspettiamo a Roma il 29 e il 30 Marzo,
prestissimo la locandina e tutte le informazioni…
Vi lascio come sempre la mia mail: tuttoilmondoateatro@gmail.com

Barbara

(foto di scena , da sinistra :
Guido Del Vento, Barbara Bricca, Gabriele Planamente)

” La Lunga Notte di Frida e Diego”- Il Mio Nuovo Recital

Un Nuovo Recital,
un momento di Poesia e Arte,
versi scintillanti scritti appositamente per “Cantare L’Amore”,
Un Amore unico, tormentato , appassionato, vibrante,
contro ogni regola e convenzione…

L’Amore che ha unito Frida Kahlo e Diego Rivera…

Non un semplice Amore,
ma Fiamma Ardente, da migliaia di anni,
attraverso tutto il tempo e lo spazio ,
ed ogni possibile vita vissuta,
o solo sognata…

Quaranta Minuti d’Amore,
nella sua Forma più alta:
due Voci ,la mia e quella di Gabriele Planamente,
si uniranno per far rivivere quella Passione,
che ha sfidato ogni Giudizio,
perché quando si ama davvero ,
ogni Giudizio viene sfidato e annientato.

I versi sono stati scritti da Marco Corsi ,
poeta colto e raffinato,
che ringrazio con stima profonda.

Il Recital sarà rappresentato a Roma,
Domenica 18 Febbraio, alle ore 18.00.
Come sempre per tutti coloro che volessero partecipare,
lascio la mia mail : tuttoilmondoateatro@gmail.com.

Vi aspetto, e vi lascio con un momento del Recital,
piccolo dono per questo prossimo S. Valentino…

“Diego,
sarà il tuo corpo a sedurre la notte,
quella mia notte disperata e sola…
Tace il silenzio
della tua assenza
in un brivido che è folle…”

Vi abbraccio e vi aspetto!

Barbara

(immagini prese dal web)

“Il Silenzio, Il Respiro e la Voce – Stage”

Sono lieta di presentare un evento importante e prezioso…
Uno Stage curato da Amedeo Di Sora, poeta, attore , regista teatrale ,
direttore artistico della “Compagnia Teatro dell’Appeso”,
Studioso e ricercatore in ambito vocale e verbale,
stimato professionista con cui ho avuto l’onore di lavorare ,
in un Recital sull’Epistolario Campana-Aleramo,
che ricordo come momento di grande Bellezza e Poesia .

Lo Stage, che si svolgerà a Roma nella giornata del 29 Gennaio,
sarà imperniato sulla Ricerca della Voce “Naturale”,
attraverso l’esperienza del Silenzio “Attivo” e del Respiro “Consapevole”,
e si svilupperà attraverso una serie organica e coerente,
di esercizi individuali e collettivi.

Per tutti coloro che volessero avere maggiori informazioni,
lascio come sempre la mia mail :
tuttoilmondoateatro@gmail.com

” (…)La Voce viene prima della parola.
Originandosi nei recessi più profondi e cavernosi del corpo,
la voce è pulsione che tende a farsi suono articolato,
ma che proprio nell’atto articolatorio si nullifica in quanto pura potenzialità,
condizione radicalmente altra dalla significazione rivestita dal soffio vocalizzato.
La Voce in sè si sottrae pertanto al logos,
situandosi al di qua della soglia della coscienza.
La Voce è suono, è elemento più profondamente sottile della materia percettibile e,
in quanto volontà di dire, si traduce in volontà di esistere.
La Voce è fondamento della soggettività.
Con la sua peculiare timbrica, la voce è la dimensione materica della parola,
ne è corpo, memoria, oblio.”

(Amedeo Di Sora)

Vi aspetto…

Barbara