Due Anni di “Tuttoilmondoateatro”

happy-anniversary-with-wordpress

Auguri al mio Blog,
che proprio ieri ha compiuto due anni.
E’ giovane ma sta crescendo nutrendosi di Teatro, Arte, Bellezza…
E poi Voi, anime preziose, che lo alimentate con la vostra Linfa ed Energia,
attraverso i commenti e i numerosi passaggi.
Grazie a tutti Voi,
a coloro che passano e lasciano una traccia,
ma anche a coloro che passano silenziosi e discreti,
la vostra energia si sente.
Grazie ai miei allievi,
continuate a leggermi,
a lavorare su voi stessi,
mai paghi di ciò che avete ottenuto,
perché è nulla in confronto a ciò che ancora ignorate…

Grazie per il sostegno e l’affetto, che sempre mi dimostrate,
allievi, avventori, amici del blog…
Grazie.

Vi lascio con una lezione di Teatro,
ho già dedicato a Mario Scaccia un post,
tratto da “La Verità Inventata”,
un testo ormai introvabile ,
in cui il Maestro parla del Teatro,
della sua carriera, del suo lavoro,
e della sua dedizione assoluta a questa Sacra Arte.

180953_20110126_scaccia_mario

Vi presento ancora un passaggio di questo testo,
dedicato al Mestiere dell’Attore,
al cammino che ogni allievo-attore deve compiere,
prima di poter salire degnamente, sulle tavole del palcoscenico:

“E’ indispensabile prima di affrontare il mestiere dell’attore,
mettere a punto il proprio strumento espressivo,
è Necessario cioè:

-Impostare la voce, imparando il processo respiratorio e l’emissione fisiologica
dei suoni,non dimenticando che la respirazione,
è il punto di partenza dell’espressione.

– Affinare la dizione perché la parola sia scandita senza tremolii,
e senza coloriture esteriori.

– Fare orecchio ai tempi e ai ritmi del discorso,
consapevoli del fatto che una lingua è, per chi recita, un sistema musicale,
che si evolve socialmente,
e grazie al quale si riesce a comunicare le nostre intenzioni.

– Addestrare il proprio temperamento, arricchendolo con letture ,
ascolto di musica, frequentazione di mostre e musei, chiese,
monumenti ,città famose,viaggi , esperienze di vita,
con tutto ciò che può affinare la nostra sensibilità.

– Arrivare a prendere contatto con se stessi,
sottoponendosi a una serie di esercizi correttivi,
fino ad arrivare al completo possesso del proprio comportamento fisico.

– Imparare a conoscersi , ad ascoltarsi, a vedersi;
ottenere in se stessi uno stato di sensibilità,
in cui si può provare quello che provano gli altri.

Lo studio per un attore non si esaurisce mai, il perfezionamento del lavoro e della sua espressione si affina ogni giorno,di mese in mese, di anno in anno,anche con la pratica del dietro le quinte,nella vita di compagnia,alle prove,ascoltando e vedendo gli altri compagni al lavoro…
Si diceva una volta che occorrono dai quindici ai venti anni di professione perché un attore possa dirsi tale…
Ma artista, un attore, se non lo è subito, non lo sarà mai!

L’Attore-Artista racconta se stesso non il personaggio.

L’Attore-Artista fa parlare i silenzi,non riferisce parole.

L’Attore-Artista non impara la parte: si fa possedere da quella.

400px-Komedia

Meditate miei cari allievi , perché c’è molto su cui riflettere.

Barbara

(immagini prese dal web)