Il Teatro e la sua Regola

Syracuse_theatre2

Il Teatro è una Dimensione Mentale,
è molto più di una semplice rappresentazione ,
è un Modale,
un Modo Nuovo di Essere,
una possibilità donata alla nostra Vita,
per essere uomini e donne migliori,
perché siamo tutti in cammino,
per arrivare a toccare la nostra vera Essenza.

Sarebbe però un errore, credere che il Teatro viva di improvvisazione,
perché le sue radici affondano nel Rito,
perché entrare in un Teatro significa entrare in un Tempio,
e il nostro comportamento dovrà adeguarsi alla Sacralità,
di cui questo luogo è intriso;
ci sono Regole precise da apprendere e rispettare,
senza inutili discussioni circa la validità di queste Regole,
perché così è da millenni, e così continuerà ad essere.

Teatro_greco_di_Siracusa_-_aerea

Il cammino del Teatro è complesso,
pretende Onestà Intellettuale nei confronti di Se Stessi, e del Mondo,
essere onesti significa “chiamare le cose con il proprio nome”,
senza confondersi,
senza nascondersi, per fuggire dalla Verità della nostra Vita;
essere onesti significa riconoscere il proprio ruolo di discente,
rispettare i compagni di lavoro,
sul Palco e nella vita di Compagnia,
significa analizzare tutto ciò che si dice,
parlando sempre con cognizione di causa,
avendo sempre a mente il proprio ruolo,
con umiltà, grande umiltà , immensa umiltà…

Segesta,_Teatro_greco_(2)
La Regola del Teatro ci salva e ci protegge,
ci guida e ci sostiene,
se non rispettata ,nel tempo,
dovremo essere consapevoli che ci allontaneremo dal cammino,
e dovremo arrenderci all’idea che non siamo stati degni di tanta Bellezza,
che ci saremo persi,
lontani non solo dal Teatro,
ma , cosa più importante, da noi stessi.

Perché Il Teatro è Bellezza,
e pretende di essere Rispettato , e Curato, e Salvato,
attraverso il nostro lavoro quotidiano,
il nostro impegno , la nostra Coscienza.

Dedicato ai miei allievi, presenti, passati, e futuri…

Barbara

Chiudo questo post con un pensiero rivolto ad una grande attrice,
scomparsa oggi,
Anna Marchesini,
grazie carissima Anna, per ogni sorriso che ci hai donato,
per il tuo lavoro e la tua dedizione al Teatro, sopra ogni cosa.

(immagini prese dal web)