Carnevale Romano

carnevale romano 2

Sono entusiasta di presentarvi un nuovo spettacolo,memoria di uno degli eventi più gioiosi e antichi del popolo romano,“Il Carnevale”.

Un omaggio alla Poesia di Giuseppe Gioacchino Belli e Trilussa, voci di una Roma colta e al tempo stesso scanzonata, di una Roma che sa prendersi in giro, e affrontare con il sorriso ogni difficoltà.

Legata allo spettacolo , una cena con un Menù della tradizione romana, con piatti tipici della cucina storica di Roma.
Arte e gusto, poesia della parola e del palato.

Una serata all’insegna della comicità e del divertimento…

Insieme a me in scena, tre brave allieve-attrici,Emanuela, Katia e Angela, della Compagnia del Cavaliere, in una riduzione-adattamento in romanesco, di un classico scespiriano, “Le allegre comari de Trastevere”.

La serata si terrà a Roma ,venerdì 30 gennaio alle 20.30.
Per chiunque avesse desiderio di avere maggiori informazioni e partecipare, come sempre può scrivermi a: tuttoilmondoateatro@gmail.com

Vi saluto con un momento di poesia trilussiana:

La Statistica:

“Sai ched’è la statistica? E’na cosa
che serve pe’ fa’ un conto in generale
de la gente che nasce , che sta male,
che more,che va in carcere e che sposa.

Ma pe’ me la statistica curiosa
è dove c’entra la percentuale,
pe’ via che, lì, la media è sempre eguale
puro co’ la persona bisognosa.

Me spiego: da li conti che se fanno
seconno le statistiche d’adesso
risurta che te tocca un pollo all’anno:

e, se nun entra ne le spese tue,
t’entra ne la statistica lo stesso
perchè c’è un antro che ne magna due!”

pinelli

L’indovina de le carte:

“-Pè’ fa’ le carte quanto t’ho da dà?
-Cinque lire.-Ecco qui;bada però
che m’hai da dì la pura verità…
-Nun dubbitate che ve la dirò.

Voi ciavete un amico che ve vo
imbrojà ne l’affari.-Nun pò sta
perchè l’affari adesso nu’ li fo.
-Vostra moje v’inganna.-Ma va’ là!

So’ vedovo dar tempo der cuccù!
-V’arimmojate-E levate de qui!
Ce so’ cascato e nun ce casco più!

-Vedo sur fante un certo nun so che…
Ve so’ state arubbate…-Oh questo sì:
le cinque lire che t’ho dato a te.”

carnevale-romano

Felicità:

“C’è un’Ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se ne va…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.

(immagini prese dal web)