Vivere, Fare, Amare il Teatro

E’ stato un Anno importante,
ricco di cambiamenti,
quei cambiamenti che tanto spaventano all’inizio,
e che invece sono in grado di rompere
rigidi schemi e barriere mentali,
che impedivano la libera evoluzione della mia Anima e della mia Arte.

Sì perché il Teatro è dimensione animica per eccellenza,
perché il Teatro si fa abbandonando ogni dimensione egoica,
Non è l’Ego a vibrare su quelle tavole,
ma è l’Anima, vibrazione anch’essa di una vibrazione più alta e universale.

Sul Palco non esiste “Io”,
non esiste un pensiero pensante vigile e consapevole,
esiste L’Essere, corpo iridescente, arcobaleno di emozioni e colori,
materia incandescente, che vive di fuoco e passione.

La Dimensione dell’Io è limitante,
è prigione che soffoca e opprime,
dire Io significa alzare muri,creare distanze,
fino a trovarsi isolati e persi dentro un mondo fatto di giudizi e pensieri circolari,
che impediscono una vera evoluzione.

Il Teatro si Fa Abbandonandosi,
Il Teatro si Vive nell’Abbandono,
Il Teatro si può Amare Abbandonando le nostre paure,
e ogni forma di giudizio su se stessi e sul Mondo,
lasciando che l’Atto si compia,
fuori dalla nostra volontà paralizzante,
fuori dagli schemi mentali,
dalle rigide classificazioni,
perché esiste un Oltre,
esiste una Dimensione Altra,
dove tutto ciò che nella vita comune noi crediamo Impossibile,
diventa altresì Possibile,
e realizzabile,
e pronto ad essere vissuto,
nel senso più alto e profondo del termine…

Esistono infinite Possibilità di Essere e Esistere,
lasciamo che il Teatro torni ad indicarci questa modalità perduta,
Abbandoniamoci,
Perdiamoci in questa Terra Sacra,
dove,lungo il cammino,
avremo l’altissimo privilegio,
di incontrare e abbracciare realmente Noi Stessi.


Così io Vivo Il Teatro,
Così io Faccio Il Teatro,
Per questo io Amo il Teatro.

Vi abbraccio,
Barbara

P.S. Prestissimo tutte le novità sui nuovi corsi e i nuovi eventi della stagione,
grazie sempre per il vostro affetto e il vostro sostegno.

(immagini personali)

Advertisements