“Sognando un Nuovo Teatro – Prima Parte-“

Un brevissimo Post,
per tornare a parlare di Teatro,
di quell’idea di Teatro che è Gioia e Grande Passione,
sì perché come ho sempre sostenuto,
il Teatro è Un’Idea,
ma un’Idea di Gioia,
di Amore ,
e di Grande Speranza per tutti coloro che lo praticano,
come Attori, o lo guardano come Spettatori.

Non esiste e non potrà mai esistere un Teatro,
che trovi nella sterile applicazione della Regola,
la sua Ragion d’Essere più profonda ,
perché è vero che la regola ci salva e ci conduce,
ma vero è anche che la regola pretende di essere applicata
con Umanità e Rispetto ,
mai dimentichi che prima di tutto il Teatro è Gioco,
Condivisione,
Confronto,
Dialettica ,

e che si fa e si potrà continuare a fare,
tenendo in estrema considerazione tutte le Anime che a lui si avvicinano ,
Anime desiderose di Conoscenza,
Anime Elette ,
perché il cammino del Teatro è Cammino Iniziatico per eccellenza,
perché al Centro della Dimensione teatrale ,
c’ è e ci sara sempre l’Uomo,
con tutto il carico delle sue scelte,
dei suoi Sentimenti,
delle sue Emozioni ,
dei Dubbi e le Paure, che da sempre lo attanagliano.

E allora “Lasciatemi Sognare Un Nuovo Teatro”,
che risponda alle Esigenze Spirituali della Nostra Umanità,
sempre più in difficoltà, e bisognosa di Luce e Compassione.

Perché la mia Nuova Idea di Teatro è un’Idea Metafisica,
perché se Pirandello ci insegna che c’è “Un Oltre in Tutto”,
allora il compito di tutti noi, Attori e Insegnanti ,
sarà quello di avvicinare l’ Oltre,
questa Dimensione Sacra e Metafisica…

Perché la Scena si trasformi davvero ,in quel luogo dell’Anima,
dove finalmente l’Impossibile diverrà Possibile

(Continua…)

Barbara

(immagini prese dal web)

21 thoughts on ““Sognando un Nuovo Teatro – Prima Parte-“

  1. Traspare, si avverte, si muove, si esprime, tutto l’amore per questo generosissimo occhio sul mondo e sull’uomo che il teatro rappresenta, ne descrivi il suo carattere giocoso, la sua arditezza mite, la vastità emotiva che lo spinge dall’attore al pubblico e dal pubblico all’attore, continua cosi Barbara…

  2. Ognuno ha la propria idea di teatro, e l’unico elemento in comune da cui ogni forma teatrale non potrà mai prescindere è appunto l’uomo. La persona o le persone che decidono di fare teatro iniziano a formare una specie di comunità che si consolida, in modo maggiore o minore, in base a quanto ognuno decide di condividere con gli altri. Più si comunica il proprio essere, più si stringe la distanza con gli altri e con se stessi, e più si può dar vita a qualcosa che travalica la regola, che pure è importante, ma che non è la parte essenziale. Finché l’attore sarà, come diceva Artaud, un atleta del sentimento, la vita sarà per lui una palestra, e il teatro il suo campo da gioco. E nonostante le regole servano, quello che più conta è condividere le proprie emozioni, aprirsi al mondo e a gli altri senza riserve. Grazie Barbara per le belle parole.

    • “Condividere le proprie emozioni, aprirsi al mondo , sicuri di ciò che siamo”
      È questo il fine ultimo del nostro fare teatro , e tu lo hai compreso bene mio caro Gabriele , allievo di grande tecnica e di grande valore umano, ora anche insegnante …
      Continua così il tuo percorso, mai stanco di guardarti dentro per portare alla Luce tutta l’Emozione che vive dentro di te!
      Un grandissimo abbraccio ,
      Barbara

  3. Trovo che voler sognare un Teatro nuovo sia una grande apertura alla vita, sia la strada che può avvicinare l’Uomo, non solo a questa Sacra arte, ma all’area metafisica che non può essere scissa dal pensiero del Teatro stesso. L’uomo mette in gioco se stesso, le proprie emozioni, le proprie competenze, le proprie passioni su quelle assi, ma le dona a chi del teatro è spettatore attento, questo mettere a disposizione l’essere se stesso non può essere soltanto legato alle regole, le regolo occorrono come dici, ma applicarle senza gioia, innovazione, respiro può generare sterilità di idee, può far appassire passioni ed energie. Tutto diventa energia e splendore nelle innovazioni che procedono con umiltà, responsabilità e competenza. Mai dimenticare la propria forza, l’Uomo apre strade quando la passione è pura, senza bieghi interessi, e quella purezza porta luce in questa società piena di coni d’ombra.

    “Urge che il Teatro ritorni a essere qualcosa di vivo, di forte, che turbi i cuori inerti: una doccia al servizio dell’igiene morale, una doccia, un esercizio, un combattimento”
    José Ortega y Gasset

    Grazie Barbara per questo tuo sempre offrire cultura, emozione, passione.

    • Non posso aggiungere altro a questo commento mia carissima amica , il teatro deve tornare davvero ad essere qualcosa di vivo e di forte , e solo mettendo in campo la nostra energia e tutta la nostra passione saremo in grado di donargli più vita e più gioia e sempre più valore 😊
      Grazie per questo preziosissimo commento , ti abbraccio forte !
      Barbara

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.