Per Amor del Teatro

Cloister

” Ma io , che dappertutto
son peregrino e alieno,
che da nessuna arte
felicità ricevo,
ti odo senza sapere
se mi allevia o no
il tuo canto che vibra
dentro il mio cuore.

Sento più allegria
del tuo canto , o il dolore
che quel canto illumina
mostrandolo meglio?

Non so , è un’incertezza
di sconsolatezza.”

Siamo tutti peregrini, siamo tutti in cammino,
cerchiamo consolazione,
cerchiamo speranza,
cerchiamo sempre e solo noi stessi,
negli occhi di chi incontriamo , di chi amiamo,
di chi lasciamo e dimentichiamo…

Sempre e solo noi stessi…

Questa semplice verità il Teatro ci insegna,
lui che ci chiede Amore e Dedizione,
che non sente ragioni,
che ci sprona a non arrenderci alle difficoltà della vita,
che ci chiede Onestà,
che pretende Conoscenza e Consapevolezza,
che ci ricorda, che tutto ciò che cade e accade nella nostra vita,
dipende da noi,
dalla nostra Volontà,
dalle nostre Paure inconfessabili,
dai nostri desideri,
dalla nostra Condotta Morale,
da quello che diciamo, e facciamo,
non che avremmo voluto dire, o avremmo voluto fare.

frau-in-der-morgensonne

” Vedere le cose fino al fondo…
E se esse non avessero fondo?

Ah , che bella la superficie!
Forse la superficie è l’essenza
e il più che la superficie è, è più che tutto
e il più che tutto non è niente.

O faccia del mondo , solo tu, di tutte le facce,
sei l’anima stessa che rifletti”

Caspar_David_Friedrich_-_Mondaufgang_am_Meer_-_Google_Art_Project

Per Amor del Teatro,
per Amore suo,
abbiamo il dovere di imparare ad amare noi stessi,
di riconoscere i nostri limiti, per poi tentare di sublimarli sul Palco,
lì dove Finito e Infinito si confondono…

Per Amor del Teatro,
abbiamo il dovere di “Essere nel Vero”
di capire dove inizia e dove finisce la nostra Individualità,
perché il confine estremo del nostro Essere,
coinciderà sempre con l’Altro da noi.

Per Amor del Teatro,
abbiamo il dovere di vedere le cose, per quello che realmente sono,
senza finzioni ,
senza confusioni,
perché, per non frantumare la nostra Essenza,
dovremo tendere all’Unità,
conciliando i nostri opposti,
armonizzando le Luci e le Ombre, che ci abitano dentro.

14-Rene-Magritte-The-Kiss-1951

“E’ forse l’ultimo giorno della mia vita.
Ho salutato il sole , alzando la mano destra,
ma non l’ho salutato, dicendo addio.
Solo un cenno al vederlo ancora , niente altro.”

Per Amor del Teatro,
abbiamo il dovere di guardarci dentro,
costantemente,
e ammettere i nostri errori,
per scoprire, in un fresco di giorno di Primavera,

che c’è ancora tanta Gioia preparata per noi…

Mirò.-Autoritratto-II

Barbara

(le immagini sono prese dal web,
opere di Friedrich, Magritte, Mirò,
i versi scintillanti sono di Fernando Pessoa,
l’ultima lirica, è stata dettata dal Poeta,
proprio nel giorno della sua morte.)

Advertisements

17 thoughts on “Per Amor del Teatro

  1. Veramente, avere la capacità di guardarsi dentro, di scoprire la gioia la bellezza che alberga in noi. Profetico il quadro di Miro che esprime la gioia del pittore. La sua testa è un sole

    • Sì , avere la chiarezza del cuore e della mente , per poter vivere realmente e poter portare la nostra verità sul palco ,dove c’è solo la verità dell’Essere…
      L’autoritratto di Miró è un’esplosione di gioia , e colore e linea e ancora colore …
      Grazie del commento caro Enrico e buon primo Maggio ,
      Un saluto gentile ,
      Barbara

  2. Un post che spiega come andrebbe in profondità vissuta la vita, guardando in noi stessi per riscoprirne il valore . Bellissime le immagini e quei versi di Pessoa li trovo straordinari. Grazie cara Barbara e buon primo maggio anche se con poco sole. Isabella

  3. Bellissimo post,parole di vita,valori profondi da tramandare alle nuove generazioni che si stanno perdendo.Mi sono stati tramandati grandi valori,dai miei nonni,..i miei genitori…cosi faccio per i miei figli è nipoti.Vita…esperienza…di recita…Teatro…il culmine ,che anni di sacrifici portano al completamento del nostro essere.
    Sei magnifica Barbara.
    Un grande abbraccio.
    Caterina

    • hai ragione cara Caterina,
      il teatro come un valore da tramandare,
      da raccontare alle nuove generazioni ,
      da preservare e custodire come diamante prezioso…
      Grazie del commento,
      e dei complimenti , sei sempre gentilissima!
      Un caro abbraccio,
      Barbara

  4. Il Teatro è il luogo deputato a mettere a nudo noi stessi. Lì non si può barare, non c’è possibilità.
    Tutto emerge, tutto torna, tutto si scontra…E’ un percorso che se non hai paura devi affrontare.
    Pessoa: grande, immenso.

    • si,
      in teatro tutto emerge,
      niente può essere nascosto,perché siamo nudi,siamo veri, siamo noi…
      Grazie amica mia, sempre preziosi i tuoi commenti…
      un bacio,
      Barbara

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s