Sibilla Aleramo “Amo dunque sono”

amo dunque sono

Un libello prezioso, pubblicato per la prima volta nel 1927,
tanto cercato e oggi finalmente ritrovato in un mercatino poetico e popolato…

Lei è Sibilla Aleramo, poetessa sublime, donna coraggiosa e passionale, innamorata della sua Arte e della Vita che, pulsante, vibrava nei suoi versi e nel suo cuore…

Arte e Vita ,
in un connubio inscindibile,
Parola che cerca e sogna, che dice e tace, parola di una donna , voce di un desiderio perenne, amare ed essere amati, desiderio di ogni anima, oltre il tempo e lo spazio.

sibilla

“L’Amore esiste.
E chi mi vedeva così persistere nella ricerca , che pareva una dannazione, chi mi vedeva conservare, nonostante ogni tragico fallimento, la perenne possibilità di risorgere con un sorriso di bimba, e tosto riaggrapparmi a nuove illusioni e in quelle creare pur sempre istanti di magnifica passione , chi mi contemplava con occhio puro e cuor pietoso, sussurrava” questa donna crede cercar l’amore e invece cerca Iddio”.
La formula non era esatta.
Cercavo l’amore come il più certo tramite per giungere a Dio
.

sibilla 3

Con la persuasione assoluta che soltanto per suo mezzo mi sarebbe dato d’accostarmi al principio divino, all’essenza invisibile dell’universo.
Dove altri perviene con l’ ascesa solitaria , io non arrivo se non ho l’ausilio d’un immagine viva , nella quale sia il mio stesso segno d’immortalità.
Mi riconosco incompleta , come Adamo prima che Eva gli sorgesse al fianco, come l’innamorato nel mito platonico…
Quanto più sono andata crescendo e salendo, quanto più mi son sentita diversa da ogni altra , insostituibile, sola e di me stessa signora, tanto più ho anelato a trovare chi duplicasse la mia ricchezza, chi ne facesse un miracolo immane , si smarrisse con me nell’immensità del cosmo, in preghiera , in estasi.

sibillla4

Perchè io son nata poeta…
Tutti i poeti , anche i più grandi,anche gli iniziati come Dante e Goethe, non han forse richiesto il soccorso d’amore , e non forse mediante l’amore sono penetrati nei regni occulti, o li hanno, col loro canto creati?”

sibilla_aleramo

Vi consiglio la lettura del testo, edito da Mondadori, insieme ad altri due testi importanti “Una donna ” e “Diario di una donna”.

(immagini prese dal web)

Advertisements

24 thoughts on “Sibilla Aleramo “Amo dunque sono”

    • molto vicina all’idea platonica,eravamo un unicum , poi divisi , ora nel mondo alla ricerca del pezzo mancante, per toccare l’essenza della divinità…
      è vero è un ‘idea affascinante questa di Sibilla, l’idea che l’amore ci aiuti a raggiungere una completezza divina che da soli non potremmo mai…
      grazie carissima ,
      un bacio per te,
      Barbara

      • La cosa più bella è che presuppone già una specie di completezza interiore, come dire che si può star bene da soli e meglio ancora con qualcuno… e non amarsi per non essere soli. È vero amore questo..
        Grazie, un bacio a te!

      • bravissima,
        e proprio questa la verità delle sue parole,
        l’amore non medica semplicemente la solitudine,
        sublima la nostra essenza di essere umani…
        é bello averti nel mio blog, grazie per i tuoi interventi

      • Ma grazie a te… da quando sono su wordpress il tuo è il primo blog che parla di teatro che è riuscito ad attirarmi perché per il resto li ho sempre sentiti lontani e chiusi, come se il teatro non fosse per i non addetti e coloro che già lo amano per cultura personale o educazione ricevuta. È un piacere leggerti!

      • io sento il Teatro in un modo diverso, il mio blog ha nome tuttoilmondoateatro perchè davvero vorrei avvicinare l’idea del Teatro al cuore e alla mente di tutti, perchè è un bene di tutti, perchè fa parte della nostra tradizione culturale, e non è ambito riservato solo agli addetti ai lavori, è luogo fisico e metafisico, è abbraccio , è cultura e bellezza…
        Grazie a te per aver scelto di seguirmi, il mio teatro è anche tuo…
        un bacio grande per te 🙂

  1. Barbara non sarà invece che solo i folli riescono a sentire senza limiti e che forse questo racconta che si dovrebbe rivedere il concetto stesso di follia? Buona giornata!

    • Sì amica mia,
      il folle , è colui che non ha passato nè futuro, solo un presente vivo e palpitante, che deve essere riempito d’amore per poter continuare a vivere…
      è colui che non teme la propria luce ,
      che attraversa l’ombra ,
      che sente la paura ma continua il cammino,perchè sia amore, sempre e solo amore…
      perchè solo l’amore può salvarci, in ogni sua forma…
      ti abbraccio forte,
      spero di farlo oggi di persona 🙂
      baci

  2. “Ho contemplato l’agitato mistero del mio spirito, e il lucido aspetto dell’universo. Uomini e donne sono sul mio cammino perch’io li ami. Li amo, li sento vivere, la loro vita si aggiunge alla mia. Che cosa io sarei senza questi incontri, senza le strade che ho percorso?”
    Donna estremamente particolare per il suo tempo, Musa, scrittrice, amante, passionale, ironica, anche virginiale e narcisa se vogliamo guardare in fondo.
    Scrivere ai suoi amnti e dell’amore, e di se stessa la rende eterna e diversa dal prototipo di donna che si voleva all’epoca, mai da lei accettato anche se moglie e madre.

    • e quando dico che sei la chiusa perfetta dei miei post, dico sul serio…
      Verissimo, Sibilla è stata più che donna, amante della vita, non curante delle regole e degli stereotipi della società borghese, libera ed emancipata, ha pagato in prima persona ogni sua scelta d’amore, senza rimpianti o rimorsi, sempre protagonista e al centro della sua vita…poche donne sono state e sono alla sua altezza…
      ti abbraccio amica mia,
      un bacio e buonanotte,
      Barbara

  3. Riflettevo che l’amore tanto cercato e mai trovato di Sibilla era diventato per lei un’utopia quindi ormai irraggiungibile.. Un amore così ideale da essere forse inesistente …?
    Baci

  4. Una donna per il suo tempo decisamente anticonformista.Vidi in tv una fiction o film non ricordo bene incentrato sul suo rapporto con Dino Campana. Molto interessante. a presto. Isabella

    • Si, una donna coraggiosa e determinata, innamorata della vita e dell’amore, fuori dal suo tempo, il film era “un viaggio chiamato amore “con Laura Morante, e descriveva come ben dici il suo tormentato amore con il poeta dei Canti Orfici, c’è un bellissimo epistolario che raccoglie le loro missive, uno dei più bei documenti d’amore del nostro Novecento..grazie del commento,
      un caro abbraccio,e una buona domenica,
      Barbara

      • Perfetto. Grazie mille per avermelo ricordato. Mi piacque molto Laura Morante. Sarebbe bello poter leggere quelle missive. Buona domenica anche a te. Isabella

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s