Vocalizzi d’Attore

barby 3 014

(immagine copertina libro personale)

Ho sempre creduto che esista una sublime connessione tra il mestiere dell’attore e la poesia, che ogni attore debba essere anche un intellettuale colto e raffinato,così come chiedeva a gran voce PierPaolo Pasolini.

Siamo oggi circondati e immersi in tale mediocrità attoriale e morale che, personalmente rimpiango attori e intellettuali, che fino agli anni settanta-ottanta sono stati nella Letteratura, nel Cinema , e nel Teatro, modelli altissimi a cui potersi ispirare.

Tra questi ,ho citato a lezione l’altro giorno, Vittorio Gassman.

Ho già dedicato alcuni dei miei primi post al Maestro , bellissima l’intervista (che troverete nella sezione “Teatro”)di Enzo Biagi, se non ricordo male intorno agli anni Novanta, che vi consiglio di guardare nel caso vi fosse sfuggita.

Ho invece ricordato di Vittorio, due testi molto interessanti, il primo è la sua autobiografia, dal titoloUn grande avvenire dietro le spalle“,l’altro è un testo che ho trovato qualche settimana fa in un banchetto delizioso di vecchi libri, dal titolo Vocalizzi“, edito da Longanesi nel 1988, oggi chiaramente introvabile.

Dall’Introduzione:

“(…)Rileggendo con certa assiduità i poeti(frequentati del resto a più riprese come interprete),credo di aver sviluppato se non altro un discreto istinto di riconoscimento di ciò che è vera poesia e di ciò che non lo è;-semmai ne avessi dubitato-ho raggiunto la serena, radicale certezza di non essere un poeta.
Tanto mi premeva sottolineare nel presentare questi miei Vocalizzi:un piccolo coacervo di riflessioni casualmente sortite in forma versificata,oltre a un certo numero di libere traduzioni da poeti di svariata origine e stile.
(…)”

Il valore del testo esula dalla natura poetica degli scritti, che per quanto lo stesso autore non osi definire poesia , per atto di profonda umiltà, vivono di liricità e musicalità, sfiorando l’anima e donando attimi di verità e emozione a chiunque legga.

Non commenterò oltre per dare a tutti la possibilità di riflettere liberamente sulle parole scritte dal Maestro, riporterò alcune sue brevi composizioni, e un gioco fonetico molto divertente su cui in Accademia ho fatto fare esercizio a tutti gli allievi, facendoli sorridere e mettendoli alla prova, perchè non semplice da pronunciare ad alta voce.
Si intitola “Fonazioni”, provate anche voi , prima pronunciando molto lentamente le parole e poi aumentando la velocità senza alterare la struttura della parola…

Perchè il Teatro è poesia, è parola detta, sussurrata e sognata, è gesto che si pensa e poi si compie, è gioco e divertimento,
perchè il Teatro è sacro.

Lingue segrete:

“Michel Foucault cataloga i linguaggi
repressi:la parola proibita,
la parola malata,la parola
esclusa perchè ancora non svelata.
E’ nel vocabolario
di questa lingua larvale
-del profeta e dell’inventore,
del pazzo e del rivoluzionario-
che si colloca la parola teatrale.”

Vittorio-Gassman-Amleto

(Vittorio Gassman in “Amleto”, immagine presa dal web)

Chi è di scena:

“Amleto , come dice Pasternak,
entra terribilmente solo in scena.
Ma più solo è l’attore
che si nasconde nel mantello di Amleto.
Per questo sbraccia a schivar la luce;
poi si fa concavo, cerca
il suolo reclinando su se stesso,
modula i suoni in basso, la voce
evita il collo teso, che offende le corde.
Non è solo mestiere:
nella solitudine sciabolata dai fari
l’attore esplora il suo baricentro;
sa di dovere -in quattro futili frasi-
fungere da ombelico del mondo.”

Favola

“Nel teatro di poesia
la logica è irrilevante
e più ancora la psicologia.
Amleto non sarebbe che un pedante
se svelasse alla fine del quarto atto
i dettagli del viaggio in Inghilterra;
o Otello il punto esatto
in cui fu raccolto da terra
il celebre fazzoletto.”


Tramandare

“Ho avuto teatri immensi,
arene,popolari tendoni,
quando gestire il dramma aveva senso
di una collettiva funzione.
La nuova era ha sommerso
di tele-rumori la civiltà;
un’ignava e matta bestialità
i fogli del Libro ha disperso.
E mi tenta , oggi,la cella appartata
in cui pochi e per pochi
(o addirittura per l’età futura?)
dire l’epilogo di una morta avventura,
i suoni-traccia di una parola passata.
Perchè il linguaggio resista
sottrarne le schede al Medioevo che avanza;
serbare l’archetipo con monacale pazienza;
farsi -da istrione-archivista.”

Fonazioni

“Afferrare,atterrare,arraffare
arruffare, azzurrare…
tutti i moti vitali
fatali
fetali,natali e
mortali
si snudano e si snidano,
stridono,
sudano,si assodano e snodano
in salti di vocale o consonantici.
Nascita suscita crescita
e mescita di emblemi semantici.
Copula:un lungo
oblungo
tango balengo
risolto in dittongo.
E morte è il punto fermo , una sorta
di porta, un finale
fanale a cui ci scorta
la sorte dell’umana coorte.
Diceva il maestro Orazio Costa
che c’è tra porpora , mormora,
tortora e forfora una proposta
più pregnante di una consonante che si sposta.
La lettera esalta il senso.
La parola addita,
come freccia, la vita.

Il fonema è una traccia d’immenso.”

Advertisements

15 thoughts on “Vocalizzi d’Attore

  1. grazie, grazie, grazie! per aver condiviso anche con noi – popolo navigante – queste che, se il maestro non le considera poesia sono quantomeno produzione della sua fucina –
    in “Chi è di scena” credo che sull’attore/Amleto abbia non solo detto una verità assoluta, ma credo abbia voluto tramandare ai discepoli la sua esperienza. In effetti se pensi di essere sul palco e pensare a quell’aspetto, così come lui lo descrive, ti viene automatico “ripiegarti” e farti Amleto. Se è successo idealmente a me mentre leggevo, a maggior ragione a chi fa teatro!
    Che dire di “Favola”? anche qui ha detto una gran verità: in fin dei conti bisogna mantenere un certo mistero e uno spazio dove chi guarda/ascolta può trovare bandoli di matasse, indizi nascosti, riletture secondo le proprie esperienze.
    In “Tramandare” mi è subito venuto in mente il lavoro che stai facendo tu. Dovremmo farlo tutti, di tramandare i “suoni-traccia di una parola passata”, e non lo dico per nostalgia…
    Con le “Fonazioni”, mi sono divertita e mi pare di ricordare di averla sentita acclamare proprio da Gassman: dapprima, leggendola, mi pareva di sentire la sua voce…vedere le sue espressioni mimiche.. un istrione (nell’accezione migliore del termine) 🙂

    • Ma grazie a te per questo straordinario commento che mi dà una grande gioia!!!
      Hai compreso tutto il senso più profondo del mio post, e mi hai lasciata senza parole,è bellissimo sapere che riesco a comunicarvi tutto quello che da anni porto con me come bagaglio attoriale e di insegnante.
      Grazie con tutto il cuore a te, che hai chiuso magnificamente il mio post con questo parole preziose:)

  2. Sabato lento, TV, qualche pagina di un libro troppo bello per finirlo tutto d’un fiato per poi buttarmi sugli ultimi post dei miei blogger preferiti. E ti trovo come sempre a lanciarmi qualcosa di speciale, che non conoscevo, che mi apre altre porte… Un grande avvenire dietro alle spalle. Lo comprerò. Grazie amica mia!

    • Grazie a te mia cara amica, anche la sua autobiografia è bellissima, ironica,e pungente, autocritica e critica col mondo dello spettacolo, che è mondo controverso e complesso…
      Sono felice di averti dato un nuovo spunto di approfondimento,e ti auguro un bellissimo fine settimana:)baci

    • Grazie a te per aver visitato il mio blog, sono felice tu abbia trovato qualcosa di bello e interessante,complimenti anche per il tuo blog che ho visitato stamattina con piacere:)
      una buona giornata per te

  3. Uomo bellissimo, stupendo attore, sublime “narratore”, una figura di cui sono tutt’oggi innamorata. La mia generazione ha visto passare personaggi , a mio giudizio, irripetibili.
    Personalità di grande spessore culturale, morale, professionale.
    Mi dispiace dire che a oggi vedo ben poca “conoscenza, professionalità, coerenza, presenza”.
    Ribadisco di essere ignorante in materia, ma riconosco benissimo che la mediocrità fa da padrona in tutte le forme d’arte, dalla moda all’accessorio, dal cinema al teatro, dall’immagine alla scrittura.

    • Hai pienamente ragione, oggi c’è mediocrità e improvvisazione in molti campi,purtroppo anche e soprattutto nell’Arte, Gassman era uomo colto e attore immenso, un esempio per chiunque , come me, voglia continuare a credere in questo nobile mestiere dell’attore, a cui è necessario restituire dignità e sacralità.
      Grazie per il tuo commento carissima, sempre puntuale e ben gradito:)

  4. Hanno scritto tutto e di piu! – potrei solo coppiare, … si e una lettura di qualità, e midispiace che solo ora scopro, ma almeno felice di essere qua!
    E si V. Gassman e un Mastro nel trasmettere!
    Grazie al tuo passaggio, e un vero piacere entrare nel tuo nido pieno di cultura che io amo!
    Lisa

    • Cara Elisa ho letto ora tutti i tuoi commenti, sei stata meravigliosa,mi hai scritto parole bellissime,mi regali grande emozione….
      Grazie per ogni parola scritta, sono felice che il mio blog ti piaccia e che riesca a donarti momenti di cultura …
      Gassman era una grandissimo attore , e questo testo è una vera chicca poetica e teatrale a cui credo dedicherò ancora un post visto che ha suscitato grande interesse!
      Un abbraccio per te

  5. grazie! ho il libro ‘vocalizzi’, trovato in una bancarella anni fa
    temo sia difficile da trovare, oggi, temo non sia stato ristampato
    hai fatto bene a divulgarne un cenno
    trovo molto significativa ‘fonazioni’
    se non erro nascita, copula e morte sono citate da eliot (frammento di un agone):
    il nichilismo che gassman rovescia notando che le parole usate per definirlo lo smentiscono con al loro ricchezza
    http://www.la-poesia.it/poesia-anglosassone/thomas-s-eliot-frammento-di-un-agone-4331-1.html

    • Grazie a te Giovanni,
      per il commento e per la citazione di Eliot,
      sono certa che Gassman conoscesse le sue parole, anche perché era uno studioso appassionato di Poesia.
      Hai avuto grande fortuna a trovare “Vocalizzi”, è un testo rarissimo e mai più stampato, conservalo con cura…
      Un saluto gentile,
      spero continuerai a seguire il mio blog.
      Barbara

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s